Preghiera per i giorni in cui si è stanchi di pregare - Lucien Jerphagnon - leggoerifletto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Preghiera per i giorni in cui si è stanchi di pregare - Lucien Jerphagnon


Signore, avevo detto che questa sera non volevo pregare.
Ho troppa paura: non voglio correre il rischio di udirti.
Dovrei sforzarmi ancora, sforzarmi sempre.
E questa sera non voglio fare questo sforzo.
Questa sera proprio no.

Questo seguito di giorni in cui non balena alcun imprevisto, e che mi annoio...
Tutti questi giorni che passano senza che io sappia se ho progredito, se sono un po' migliore.
E' buio e penso che il domani è vicino.
Quando mi sveglierò - se riuscirò a dormire - so che non sarò cambiato. Sarò lo stesso.
Non  migliore, non  peggiore, con la stessa giornata da passare, le stesse occasioni di fare del bene, e cui mancherò come al solito.

Quante volte, tuttavia, ti ho chiesto la perfezione: "Siate perfetti come è perfetto il, Padre vostro, che è nei cieli...".
Non ci sono arrivato.
Ed ora che il tempo passa mi domando se ci riuscirò un giorno, e se vale la pena che mi sforzi.

Mi domando, Signore, se ho cercato la perfezione in modo abbastanza puro.
Ah! avrei voluto ornarmene, adornarmene...
Essere per gli altri, per me, un santo...
Occorre che io rinunci a tutto questo.
E che ammetta, semplicemente, una buona volta, di essere soltanto quello che sono.

Forse, Signore, è proprio questo che tu chiami "diventare come fanciulli".
Accettarsi con la stessa semplicità di cuore con cui tu ci hai accettato tutti quanti siamo.
Accettare di essere, semplicemente, quelli per cui tu sei venuto: peccatori per i quali il tuo Vangelo è talmente buono.
Più buono di quanto non si dica.

Un tempo, te lo confesso, la tua preferenza per i peccatori mi infastidiva.
Si, quella tua preferenza aperta a tutto ciò che cade, per tutto ciò che "non costa caro".
Mancava poco, Signore, che non prendessi le difese dei farisei; avrei anche trovato degli argomenti.
Ma ora è diverso.
Sono gli altri che io capisco, tutti quelli di cui si parla nel Vangelo.
Le povere persone qualunque, quelle che sanno di valer ben poco.
E', senza dubbio, perché comincio a capire... che sono anch'io fra quelle.
E che tu sei venuto per noi.

Ma, Signore, non domandarmi troppo questa sera.

- Lucien Jerphagnon -


 
Omaggio a Maria | Immacolata Concezione, solennità | Preghiere, poesie del mattino | Preghiere, poesie della sera | Apparizioni della Vergine e luoghi sacri | Preghiere agli Angeli | preghiere a Gesù | Preghiere a San Giuseppe | Preghiere d'intercessione | Ad ogni ora la sua preghiera | Rosario | Quaresima,Pasqua | Preghiere dopo la S.Messa | Per gli sposi | Preghiere per la Pace | Esorcismo, guarigione, liberazione | Preghiere SS. Eucarestia | Spirito Santo | Novene,Litanie | Preghiere per i sacerdoti | Catechismo della Chiesa Cattolica | Parole Buone | Anziani, preghiere e poesie | Preghiere per gli ammalati | Per i defunti | Testimoni di Santità | Charles de Foucauld | San Giovanni XXIII, papa | Beato Paolo VI, papa | Papa Giovanni Paolo I | San Giovanni Paolo II, papa | Papa Benedetto XVI | Papa Francesco | San Massimiliano Kolbe | San Carlo Borromeo | Madre Teresa di Calcutta | Sant'Agostino | Giussani Luigi | Madeleine Delbrêl | don Tonino Bello | don Primo Mazzolari | San Francesco d'Assisi | Santo Curato d'Ars | Don Bosco | San Pio da Pietrelcina | Madre Anna Maria Cànopi | Ferrero Bruno, don | Card. Carlo Maria Martini | Amorth Gabriele, padre | Anthony de Mello,padre | Dietrich Bonhoeffer | Larrañaga Ignacio, padre | Merton Thomas Padre | Quoist Michel, padre | Padre Andrea Gasparino | Van Tuan Francois Xavier Cardinale | Lucien Jerphagnon | Jean Vanier | Fratelli maggiori, Shoa | Salmi | Libro dei Proverbi | Natale | Gibran Kahlil | Rudyard Kipling | Erma Bombeck | Alejandro Jodorowsky | Pessoa Fernando | Stagioni | Rabindranath Tagore | William Shakespeare | Paulo Coelho | Emily Dickinson | Pablo Neruda | Love | Santuari e Advocazioni | Mappa generale del sito
Torna ai contenuti | Torna al menu