Preghiera dopo una lite familiare irreparabile - Lucien Jerphagnon - leggoerifletto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Preghiera dopo una lite familiare irreparabile - Lucien Jerphagnon


Signore, perché rimettermi a pensare tutto ciò questa sera?
La mia famiglia di un tempo, i nostri torti reciproci e questa separazione definitiva...
E' storia antica.
Sono ormai tanti anni che ci siamo lasciati, sono ormai tanti anni che io sono partito per non tornare più.
Il piacere di vivere di nuovo insieme è morto ora, morto da una parte e dall'altra.
Il fosso è troppo profondo in questo momento perché una qualche buona volontà possa colmarlo.
Quando ci si lascia con una scena violenta, c’è ancora qualche speranza.
Ma poi ci siamo lasciati senza rumore.
Perchè‚ far rumore? L'amore era morto. Gli altri ed io stavamo per metter fine alla sua lenta agonia.
Un'agonia di venti anni, nutrita dalla nostra incurabile stupidità, la loro e la mia.
Venti anni di piccoli urti impercettibili, di piccolissime incomprensioni - sì, di cose da nulla, ma cose da nulla mortali per l'amore.
Signore, è troppo tardi.
Ora siamo troppo lontani.
Ed abbiamo preso l'abitudine, la triste abitudine di non rivederci più.
Uno slancio buono risveglierebbe le nostre sofferenze.
Non possiamo più comportarci come se ciò che è stato non fosse mai accaduto: era "prima" che dovevamo accorgercene, prima, quando avevamo ancora il tempo di amarci.

Ci sono delle situazioni, Signore, tu lo sai, in cui l'amore esige il silenzio, il silenzio per sempre, nella pace.
Bisogna aspettare che tu accomodi ogni cosa.
Più tardi, molto più tardi, e indubbiamente fuori da questo mondo, dove, nonostante il perdono che ci si accorda senza vederci, tutto ci separa e per sempre.
"Non dovremmo mai odiarci; abbiamo già così poco tempo per amarci..." (Maxence Van der Meersch)

Ma, Signore, accorda a loro come a me, di non confondere la rassegnazione con l'indifferenza.
Fa che sopportiamo, io e loro, con coraggio forte e fino alla fine, il rimpianto di non aver amato abbastanza.

- Lucien Jerphagnon -


 
Omaggio a Maria | Immacolata Concezione, solennità | Preghiere, poesie del mattino | Preghiere, poesie della sera | Apparizioni della Vergine e luoghi sacri | Preghiere agli Angeli | preghiere a Gesù | Preghiere a San Giuseppe | Preghiere d'intercessione | Ad ogni ora la sua preghiera | Rosario | Quaresima,Pasqua | Preghiere dopo la S.Messa | Per gli sposi | Preghiere per la Pace | Esorcismo, guarigione, liberazione | Preghiere SS. Eucarestia | Spirito Santo | Novene,Litanie | Preghiere per i sacerdoti | Catechismo della Chiesa Cattolica | Parole Buone | Anziani, preghiere e poesie | Preghiere per gli ammalati | Per i defunti | Testimoni di Santità | Charles de Foucauld | San Giovanni XXIII, papa | Beato Paolo VI, papa | Papa Giovanni Paolo I | San Giovanni Paolo II, papa | Papa Benedetto XVI | Papa Francesco | San Massimiliano Kolbe | San Carlo Borromeo | Madre Teresa di Calcutta | Sant'Agostino | Giussani Luigi | Madeleine Delbrêl | don Tonino Bello | don Primo Mazzolari | San Francesco d'Assisi | Santo Curato d'Ars | Don Bosco | San Pio da Pietrelcina | Madre Anna Maria Cànopi | Ferrero Bruno, don | Card. Carlo Maria Martini | Amorth Gabriele, padre | Anthony de Mello,padre | Dietrich Bonhoeffer | Larrañaga Ignacio, padre | Merton Thomas Padre | Quoist Michel, padre | Padre Andrea Gasparino | Van Tuan Francois Xavier Cardinale | Lucien Jerphagnon | Jean Vanier | Fratelli maggiori, Shoa | Salmi | Libro dei Proverbi | Natale | Gibran Kahlil | Rudyard Kipling | Erma Bombeck | Alejandro Jodorowsky | Pessoa Fernando | Stagioni | Rabindranath Tagore | William Shakespeare | Paulo Coelho | Emily Dickinson | Pablo Neruda | Love | Mappa generale del sito
Torna ai contenuti | Torna al menu