Preghiera di un prigioniero - Lucien Jerphagnon - leggoerifletto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Preghiera di un prigioniero - Lucien Jerphagnon



Sono tre giorni che siamo arrivati qui.
Credo che ci vorrà del tempo prima che mi abitui a tutto questo.
A questi fili spinati, a questi posti di guardia, a queste teste coperte da caschi, a questo lavoro assurdo, e soprattutto a questa promiscuità.
Mio Dio, sono passati soltanto tre giorni. E se ciò dovesse durare dei mesi, forse degli anni...
Ho perso perfino il mio nome.
Ieri sera, al centro di raccolta, "essi" mi hanno chiamato col mio numero. Sono il 5432.

Mai avevo saputo nella realtà cosa volesse dire essere un prigioniero. Mi sembrava talmente naturale la libertà...
Mi sento d'un tratto vicino ai figli della tua Chiesa, a tutti coloro che i Cartaginesi o i romani mandavano nelle miniere o nelle galere.
Signore, sono un po' come loro.
Meno luminoso, perché, se soffriamo, essi lo facevano per te. Io sono altra cosa.
Io sono qui perché lo hanno voluto le circostanze. Perché bisognava che qualcuno venisse qui, perché il mio nome figurava su qualche lista.
Tutto è anonimo, in questa avventura. Tutto.
Ignoro il nome del burocrate tedesco che ha firmato la mia requisizione; ignoro la ragione per cui "essi" mi hanno messo qui piuttosto che altrove.
E ignoro pure come tutto ciò andrà a finire.

Signore, è proprio questo anonimato che è vergognoso. Da ieri ad oggi sono diventato un oggetto.
Un oggetto soltanto un po' più importante di una scopa.
Uno strumento di cui "essi" hanno bisogno per far andare avanti una macchina; giacché "essi" non possono ancora fare a meno di uomini che le facciano andare, le loro macchine.
Il 5432 è addetto alla macchina 28.

Signore, tu lo sai, ho paura di molte cose.
Ma ho soprattutto paura di finire coll'abituarmi, col perdervi il mio nome, col perdervi la mia anima.
Paura di maledire la mia patria vinta e il "loro" paese vincitore.
Paura di vendicarmi, più tardi, quando "essi" avranno perduto.

Signore, perdonami: questa sera non posso onestamente recitare il Padre Nostro.

- Lucien Jerphagnon -


una foto rara:
- Prigionieri ebrei al momento della loro liberazione da un "treno della morte" verso un campo di internamento nei pressi del fiume Elba, nel 1945
- Agim Shala, 2 anni, viene fatto passare attraverso la recinzione di filo spinato nelle mani dei nonni in un campo gestito dagli Emirati Arabi Uniti in Albania. In questo modo i membri della famiglia Shala si sono riuniti dopo essere fuggiti dal Kosovo.(foto dal sito www.cultor.org)


 
Omaggio a Maria | Immacolata Concezione, solennità | Preghiere, poesie del mattino | Preghiere, poesie della sera | Apparizioni della Vergine e luoghi sacri | Preghiere agli Angeli | preghiere a Gesù | Preghiere a San Giuseppe | Preghiere d'intercessione | Ad ogni ora la sua preghiera | Rosario | Quaresima,Pasqua | Preghiere dopo la S.Messa | Per gli sposi | Preghiere per la Pace | Esorcismo, guarigione, liberazione | Preghiere SS. Eucarestia | Spirito Santo | Novene,Litanie | Preghiere per i sacerdoti | Catechismo della Chiesa Cattolica | Parole Buone | Anziani, preghiere e poesie | Preghiere per gli ammalati | Per i defunti | Testimoni di Santità | Charles de Foucauld | San Giovanni XXIII, papa | Beato Paolo VI, papa | Papa Giovanni Paolo I | San Giovanni Paolo II, papa | Papa Benedetto XVI | Papa Francesco | San Massimiliano Kolbe | San Carlo Borromeo | Madre Teresa di Calcutta | Sant'Agostino | Giussani Luigi | Madeleine Delbrêl | don Tonino Bello | don Primo Mazzolari | San Francesco d'Assisi | Santo Curato d'Ars | Don Bosco | San Pio da Pietrelcina | Madre Anna Maria Cànopi | Ferrero Bruno, don | Card. Carlo Maria Martini | Amorth Gabriele, padre | Anthony de Mello,padre | Dietrich Bonhoeffer | Larrañaga Ignacio, padre | Merton Thomas Padre | Quoist Michel, padre | Padre Andrea Gasparino | Van Tuan Francois Xavier Cardinale | Lucien Jerphagnon | Jean Vanier | Fratelli maggiori, Shoa | Salmi | Libro dei Proverbi | Natale | Gibran Kahlil | Rudyard Kipling | Erma Bombeck | Alejandro Jodorowsky | Pessoa Fernando | Stagioni | Rabindranath Tagore | William Shakespeare | Paulo Coelho | Emily Dickinson | Pablo Neruda | Love | Mappa generale del sito
Torna ai contenuti | Torna al menu