Lettera ai giovani sulla sessualità (5) - Padre Andrea Gasparino - leggoerifletto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Lettera ai giovani sulla sessualità (5) - Padre Andrea Gasparino



4 • EDUCARSI AL SACRO

Questo è il grado superiore di educazione sessuale, finché non si giunge qui, manca il più nell'educazione sessuale. Bisogna che entri nel tuo cuore una verità sublime: il sesso è una realtà segnata dal sacro. La prova è questa: Dio ha legato la sessualità al mistero della vita.

Dicono che nella spiritualità indù il rapporto sessuale è compiuto dagli sposi come un atto sacro. Conosco tanti sposi cristiani che vivono il rapporto matrimoniale come un atto sacro, preparato nella preghiera e nella purificazione da ogni egoismo. Il loro donarsi per amore, diventa un momento di grazia che li arricchisce.

La formazione al sacro deve cominciare in tempo, fin dalla fanciullezza: imparando il rispetto per tutto ciò che è attinente al mistero della vita e del sesso. È una mentalità che dobbiamo rafforzare nell'adolescenza.

Per esempio quando l'adolescente passa vicino a una donna incinta, deve imparare a fare una preghiera per la piccola creatura che quella mamma porta in sé, e un'altra per quella mamma, perché sia capace a educare quel bimbo in modo sapiente, e sia capace di sopportare tutti i sacrifici che Dio le chiederà per la vita di quel bimbo.

L'incontro con una mamma in attesa di un figlio è un momento di grande commozione per l'adolescente. Quando questo senso del sacro è vivo, si capisce che la sua maturazione sessuale sta giungendo a un livello altissimo.

Rapporti prematrimoniali

Parliamo un momento, è il suo posto più giusto, dello spinoso problema dei rapporti prematrimoniali.

È un punto importante nella formazione dei giovani, è la loro prova del fuoco. Da questo problema nasce la serietà del futuro matrimonio, o il suo sfascio.

Mi ha sempre colpito un dato di fatto impressionante: i matrimoni falliti che ho incontrato nella mia vita, sono partiti tutti con rapporti prematrimoniali sbagliati. Non ho ancora incontrato un solo caso di matrimonio ben riuscito che affondava la sua radice in un fidanzamento sbagliato.

Il fidanzamento e il matrimonio sono due realtà legate, ma diverse: il fidanzamento è preparazione e attesa. Il matrimonio è compimento.

Perché la Chiesa dice no ai rapporti prematrimoniali? Per tanti gravi motivi. Eccone alcuni.

1. Il rapporto prematrimoniale è un'ingiustizia e una slealtà, perché la Chiesa considera l'atto matrimoniale come un atto con cui ci si impegna irrevocabilmente. Ora è lecito prendere alla leggera questo atto? E giocare con questo atto? «Pongono il segno del matrimonio senza che vi sia il matrimonio», si legge in un documento dell'Episcopato tedesco: è qui la sua gravità.

Un giovane mi ha chiesto: «Perché la Chiesa, nonostante la mentalità che circola, è sempre sulle sue posizioni di massima severità in questa faccenda?».

Ho risposto: ma la Chiesa non c'entra, è la severità di Cristo che obbliga la Chiesa ad aprire gli occhi e a farli aprire. Alla Chiesa sarebbe più comodo essere blanda, fare la tollerante come fanno tutti, come ormai è di moda.

Ma non può, perché Gesù Cristo ha parlato chiaro sulla santità del matrimonio - cioè sulla sua serietà - fino a dire: «Avete inteso che fu detto: "Non commettere adulterio", ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore» (Mt 5,27).

Il vincolo matrimoniale è così sacro, che basta uno sguardo impuro, un desiderio impuro, a sporcarlo e a infrangerlo. Ora giudica tu come è grave il divertirsi con l'atto matrimoniale.

E la coscienza te lo conferma, se sei profondamente sincero, che Cristo ha ragione: non si può donare il corpo senza donare se stessi.

2. Un motivo serio che convalida la severità della Chiesa è questo: la libertà prematrimoniale impoverisce la conoscenza vera, e non verifica affatto l'amore.

La prova dell'amore tra i due ragazzi è macchiata e disturbata dalla loro sensualità; chi indulge ai rapporti prematrimoniali giunge al matrimonio senza aver fatto la prova dell'amore.

E l'amore senza gratificazioni quello che conta: due giovani che si lasciano andare vanno al matrimonio con gli occhi bendati, senza sapere se saranno capaci di essere reciprocamente fedeli.

3. Un'altra riflessione che mi impressiona è questa: l'amore vero non è mai cedimento o conquista, l'amore vero rende migliori e sereni. Voglio vedere com'è la coscienza e la pace interiore di chi corre dietro ai suoi istinti e alle sue passioni.

Una ragazza mi ha confidato: «Ho risposto così al mio ragazzo che cercava soddisfazioni sensuali: "Ho detto no perché: non ti considero un ragazzino da accontentare, ma ti considero un amico da aiutare a crescere, e che aiuta me a crescere.

Se mi ami veramente, devi considerarmi una persona, non devi considerarmi un oggetto. Baloccarti con l'amore è troppo infantile. Non voglio sciupare l'amore"».

Sono risposte che vengono dallo Spirito Santo.

4. C'è un'insidia che sembra vestita di luce, ma è piena di menzogna. Eccola: dobbiamo vedere se siamo fatti una per l'altro, se fra noi c'è armonia sessuale.

Menzogna! Il matrimonio non è un gioco sessuale. Il divertirsi non chiarisce certo l'armonia sessuale. E il rispetto che crea l'armonia, non il divertirsi. Il divertirsi usando un atto sacro, scatena e fomenta l'egoismo; non crea l'armonia, la minaccia.

Ho sentito un sacerdote presentare questo paragone: «Sono chiamato al sacerdozio, ma prima del giorno in cui sarò consacrato non posso né celebrare la Messa né dare l'assoluzione. Se lo facessi commetterei un delitto. Eppure a tre mesi dalla prima Messa conosco già il messale e ho finito i miei studi».

Solo col sacramento dell'Ordine il novello sacerdote riceve da Cristo il sì che lo investe della missione di sacerdote per tutta la vita.

Così due giovani col matrimonio ricevono il sì di Cristo che li rende capaci di un sì reciproco, fedele per tutta la vita, e insieme sono investiti della missione sublime di trasmettere la vita.

5. Lo so che l'andazzo è grande e troppa gente ci casca. Si dice: «Ci mettiamo insieme e vediamo», e si sottintende: se non va, ognuno ritorna per conto suo.

Non è un ragionare da persona, è un ragionare animalesco. È lo sfascio della famiglia, che spesso la fa pagare ai figli. È la premessa per gli squilibri affettivi, è calpestare la missione matrimoniale, è la strage della famiglia nel presente e nel futuro.

Un'altra famiglia che nasce sullo sfascio di un matrimonio andato a monte, è una desolazione! Che consistenza potrà avere costruire su un divorzio un'altra famiglia, calpestando cocciutamente la legge di Dio?

(Padre Andrea Gasparino)

 
Omaggio a Maria | Immacolata Concezione, solennità | Preghiere, poesie del mattino | Preghiere, poesie della sera | Apparizioni della Vergine e luoghi sacri | Preghiere agli Angeli | preghiere a Gesù | Preghiere a San Giuseppe | Preghiere d'intercessione | Ad ogni ora la sua preghiera | Rosario | Quaresima,Pasqua | Preghiere dopo la S.Messa | Per gli sposi | Preghiere per la Pace | Esorcismo, guarigione, liberazione | Preghiere SS. Eucarestia | Spirito Santo | Novene,Litanie | Preghiere per i sacerdoti | Catechismo della Chiesa Cattolica | Parole Buone | Anziani, preghiere e poesie | Preghiere per gli ammalati | Per i defunti | Testimoni di Santità | Charles de Foucauld | San Giovanni XXIII, papa | Beato Paolo VI, papa | Papa Giovanni Paolo I | San Giovanni Paolo II, papa | Papa Benedetto XVI | Papa Francesco | San Massimiliano Kolbe | San Carlo Borromeo | Madre Teresa di Calcutta | Sant'Agostino | Giussani Luigi | Madeleine Delbrêl | don Tonino Bello | don Primo Mazzolari | San Francesco d'Assisi | Santo Curato d'Ars | Don Bosco | San Pio da Pietrelcina | Madre Anna Maria Cànopi | Ferrero Bruno, don | Card. Carlo Maria Martini | Amorth Gabriele, padre | Anthony de Mello,padre | Dietrich Bonhoeffer | Larrañaga Ignacio, padre | Merton Thomas Padre | Quoist Michel, padre | Padre Andrea Gasparino | Van Tuan Francois Xavier Cardinale | Lucien Jerphagnon | Jean Vanier | Fratelli maggiori, Shoa | Salmi | Libro dei Proverbi | Natale | Gibran Kahlil | Rudyard Kipling | Erma Bombeck | Alejandro Jodorowsky | Pessoa Fernando | Stagioni | Rabindranath Tagore | William Shakespeare | Paulo Coelho | Emily Dickinson | Pablo Neruda | Love | Santuari e Advocazioni | Mappa generale del sito
Torna ai contenuti | Torna al menu