Preghiera di un uomo che è stanco della vita - Lucien Jerphagnon - leggoerifletto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Preghiera di un uomo che è stanco della vita - Lucien Jerphagnon


Signore, alzandomi, questa mattina, mi sono detto che anche questo giorno sarebbe stato uguale agli altri.
E, infatti, è stato uguale.
Ho preso lo stesso "metro" che prendo ogni mattina, ho letto le stesse considerazioni agrodolci del mio giornale circa la situazione internazionale che rimane immutata.
Ho salito la solita scala anonima, ho ritrovato sullo scrittoio le solite pratiche da rivedere, quelle pratiche che sono, press'a poco, le stesse da dieci anni.
Il fattorino era lo stesso e così pure il capo del personale.
Avevano l'aspetto di tutti i giorni, dei giorni in cui non si aspetta un gran che di nuovo.

A mezzogiorno ho mangiato le stesse cose: era Lunedì.
E poi sono ritornato in ufficio, fino alle sei.
Sono ritornato a casa, subito, dicendo a me stesso che il giorno dopo avrei dovuto ricominciare.
Signore, sono stanco di tutto questo.
Sognavo tutt'altra cosa. Sognavo che un giorno avrei avuto una vita attiva, forte, piena di moto, con giornate attraenti, ricche di cose impreviste.
Era un sogno. Ma, nonostante tutto, è triste svegliarsi dopo un sogno.

Non sarò mai diverso da quello che sono ora.
Si, lo so benissimo che altri sarebbero assai soddisfatti di trovarsi nella mia situazione.
Certo. Ma ciò non toglie nulla alla mia noia.

Signore, lasciami esprime questa sera tutta la mia stanchezza, tutto il mio desiderio di evasione.
A chi lo esprimerò se non a te?
Nessuno mi capirebbe.
Tutti direbbero: " Di che si lamenta?". E, in un certo senso avrebbero ragione.
Nella mia situazione non c’è nulla che non sia normale: un uomo che fa il suo lavoro.
Cosi, non ne parlerò che a te.
Non ti chiedo di mutare qualcosa. No. Non occorre cambiare la mia vita. Sono io che dovrei essere cambiato.
Signore, aiutami a guardare meglio.
Aiutami a vedere che ci sono degli altri uomini, diversi da me. Anche per loro è tutti i giorni la stessa cosa.

- Lucien Jerphagnon -


 
Omaggio a Maria | Immacolata Concezione, solennità | Preghiere, poesie del mattino | Preghiere, poesie della sera | Apparizioni della Vergine e luoghi sacri | Preghiere agli Angeli | preghiere a Gesù | Preghiere a San Giuseppe | Preghiere d'intercessione | Ad ogni ora la sua preghiera | Rosario | Quaresima,Pasqua | Preghiere dopo la S.Messa | Per gli sposi | Preghiere per la Pace | Esorcismo, guarigione, liberazione | Preghiere SS. Eucarestia | Spirito Santo | Novene,Litanie | Preghiere per i sacerdoti | Catechismo della Chiesa Cattolica | Parole Buone | Anziani, preghiere e poesie | Preghiere per gli ammalati | Per i defunti | Testimoni di Santità | Charles de Foucauld | San Giovanni XXIII, papa | Beato Paolo VI, papa | Papa Giovanni Paolo I | San Giovanni Paolo II, papa | Papa Benedetto XVI | Papa Francesco | San Massimiliano Kolbe | San Carlo Borromeo | Madre Teresa di Calcutta | Sant'Agostino | Giussani Luigi | Madeleine Delbrêl | don Tonino Bello | don Primo Mazzolari | San Francesco d'Assisi | Santo Curato d'Ars | Don Bosco | San Pio da Pietrelcina | Madre Anna Maria Cànopi | Ferrero Bruno, don | Card. Carlo Maria Martini | Amorth Gabriele, padre | Anthony de Mello,padre | Dietrich Bonhoeffer | Larrañaga Ignacio, padre | Merton Thomas Padre | Quoist Michel, padre | Padre Andrea Gasparino | Van Tuan Francois Xavier Cardinale | Lucien Jerphagnon | Jean Vanier | Fratelli maggiori, Shoa | Salmi | Libro dei Proverbi | Natale | Gibran Kahlil | Rudyard Kipling | Erma Bombeck | Alejandro Jodorowsky | Pessoa Fernando | Stagioni | Rabindranath Tagore | William Shakespeare | Paulo Coelho | Emily Dickinson | Pablo Neruda | Love | Santuari e Advocazioni | Mappa generale del sito
Torna ai contenuti | Torna al menu