Frammenti di Shoah: Josef Mengele - leggoerifletto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Frammenti di Shoah: Josef Mengele



Il totale disprezzo per la vita umana legittimava agli occhi dei medici nazisti non solo l’omicidio, ma anche gli esperimenti pseudoscientifici.
Il più noto dei medici dei lager, Josef Mengele, andava a scegliersi personalmente le sue vittime, preferibilmente gemelli, come Yitzhack e Zerah Taub, che finirono nel suo laboratorio.
“I miei porcellini d’India”, li chiamava con cinico sarcasmo il medico della morte, che si era proposto di eternarsi nei testi di medicina con una propria teoria sui gemelli.
Mengele misurava e comparava ogni particolare fisico dei gemelli, prelevando loro sangue ogni giorno, talvolta addirittura da entrambe le braccia contemporaneamente.
Yitzhack Taub ricorda che il salasso proseguiva “fino a quando i bambini si afflosciavano come sacchetti di plastica vuoti”.
Al servizio della sua “ricerca”, Mengele iniettava prodotti chimici negli occhi dei bambini per verificare se ci fosse modo di far diventare stabilmente azzurri gli occhi bruni. Altri li uccideva con iniezioni di fenolo, o di un altro prodotto, per poterne prelevare gli organi.
“A me hanno iniettato del veleno. Ancora oggi non so cosa fosse. Il risultato di quegli esperimenti è che sono per due terzi invalido. Ho il corpo che trema tutto. Sono colto da attacchi epilettici. Che vita!” sospira Moshe Offer, uno dei superstiti gemelli di Auschwitz.
Anche persone di piccola statura o donne incinte suscitavano l’interesse del medico delle SS. Ruth Elias era all’ottavo mese di gravidanza, quando fu deportata per la seconda volta ad Auschwitz. Mengele decise di non farla gassare, ma quando partorì il bimbo, il medico le fece bendare il petto perché non potesse allattarlo, e controllava quotidianamente che il neonato restasse effettivamente senza alimentazione. “Mio figlio si è spento lentamente”, racconta Ruth Elias, “alla fine piangeva soltanto, emetteva flebili lamenti”. Dopo otto giorni, quando il piccolo non dava quasi più segni di vita, una delle dottoresse detenute fornì alla donna, di nascosto, una dose di morfina. “Ho ucciso io stessa mio figlio”, confessa Ruth Elias, “e dopo averlo fatto non ho avuto che un desiderio: morire anch’io”.
Il nome di Josef Mengele resterà per sempre emblematico dei disumani esperimenti medici che si compivano ad Auschwitz.

(Questa documentazione è il testamento di milioni di vittime. Simon Wiesenthal)

 
Omaggio a Maria | Immacolata Concezione, solennità | Preghiere, poesie del mattino | Preghiere, poesie della sera | Apparizioni della Vergine e luoghi sacri | Preghiere agli Angeli | preghiere a Gesù | Preghiere a San Giuseppe | Preghiere d'intercessione | Ad ogni ora la sua preghiera | Rosario | Quaresima,Pasqua | Preghiere dopo la S.Messa | Per gli sposi | Preghiere per la Pace | Esorcismo, guarigione, liberazione | Preghiere SS. Eucarestia | Spirito Santo | Novene,Litanie | Preghiere per i sacerdoti | Catechismo della Chiesa Cattolica | Parole Buone | Anziani, preghiere e poesie | Preghiere per gli ammalati | Per i defunti | Testimoni di Santità | Charles de Foucauld | San Giovanni XXIII, papa | Beato Paolo VI, papa | Papa Giovanni Paolo I | San Giovanni Paolo II, papa | Papa Benedetto XVI | Papa Francesco | San Massimiliano Kolbe | San Carlo Borromeo | Madre Teresa di Calcutta | Sant'Agostino | Giussani Luigi | Madeleine Delbrêl | don Tonino Bello | don Primo Mazzolari | San Francesco d'Assisi | Santo Curato d'Ars | Don Bosco | San Pio da Pietrelcina | Madre Anna Maria Cànopi | Ferrero Bruno, don | Card. Carlo Maria Martini | Amorth Gabriele, padre | Anthony de Mello,padre | Dietrich Bonhoeffer | Larrañaga Ignacio, padre | Merton Thomas Padre | Quoist Michel, padre | Padre Andrea Gasparino | Van Tuan Francois Xavier Cardinale | Lucien Jerphagnon | Jean Vanier | Fratelli maggiori, Shoa | Salmi | Libro dei Proverbi | Natale | Gibran Kahlil | Rudyard Kipling | Erma Bombeck | Alejandro Jodorowsky | Pessoa Fernando | Stagioni | Rabindranath Tagore | William Shakespeare | Paulo Coelho | Emily Dickinson | Pablo Neruda | Love | Mappa generale del sito
Torna ai contenuti | Torna al menu