Le etichette che ci portiamo addosso – Padre Anthony De Mello - leggoerifletto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le etichette che ci portiamo addosso – Padre Anthony De Mello



L’importante non è sapere chi o cosa sia “l’io”. Non ci riuscirete mai.
Non esistono parole che possano esprimerlo. L’importante è dimenticare le etichette.
Come dicono i maestri giapponesi dello Zen: “Non cercate la verità; abbandonate i vostri giudizi”.
Abbandonate le vostre teorie; non cercate la verità. La verità non è una cosa da cercare. Se smetteste di essere dogmatici, ve ne accorgereste. Qui accade qualcosa di simile. Se dimenticherete le vostre etichette, lo scoprirete.
Cosa intendo per etichette?
Ogni etichetta che vi venga in mente, eccetto forse quella di essere umano.
È vero: questa definizione non dice molto. Ma quando dite: “Sono una persona di successo” è una follia.
Il successo non è parte “dell’io”. Il successo è qualcosa che va e viene; oggi c’è domani potrebbe essere finito. Non è “l’io”. Quando si dice: “Sono uno di successo”, si è in errore: significa che si è precipitati nelle tenebre.
Ci si è identificati con il successo.
E lo stesso vale per chi ha detto: “Sono un fallimento, sono un avvocato, sono un uomo d’affari”.
Sapete cosa vi accadrà, se vi identificherete con queste cose? Vi abbarbicherete a esse, avrete paura che svaniscano, ed è qui che deriva la vostra sofferenza.
Intendevo proprio questo, quando vi ho detto, poco fa: “Se state soffrendo, siete addormentati”.
Volete un segno evidente del fatto che siete addormentati?
Eccolo: state soffrendo.
La sofferenza vi viene data perché possiate capire che da qualche parte regna la falsità, proprio come un dolore fisico si fa sentire perché si capisca che da qualche parte c’è una malattia o un morbo.
La sofferenza indica che da qualche parte c’è del falso.
La sofferenza sorge quando ci si scontra con la realtà, quando la vostra falsità si scontra con la verità: allora scatta la sofferenza. Altrimenti, non c’è sofferenza.

- Padre Anthony De Mello -
Tratto da: "Messaggio per un'aquila che si crede un pollo"

 
Omaggio a Maria | Immacolata Concezione, solennità | Preghiere, poesie del mattino | Preghiere, poesie della sera | Apparizioni della Vergine e luoghi sacri | Preghiere agli Angeli | preghiere a Gesù | Preghiere a San Giuseppe | Preghiere d'intercessione | Ad ogni ora la sua preghiera | Rosario | Quaresima,Pasqua | Preghiere dopo la S.Messa | Per gli sposi | Preghiere per la Pace | Esorcismo, guarigione, liberazione | Preghiere SS. Eucarestia | Spirito Santo | Novene,Litanie | Preghiere per i sacerdoti | Catechismo della Chiesa Cattolica | Parole Buone | Anziani, preghiere e poesie | Preghiere per gli ammalati | Per i defunti | Testimoni di Santità | Charles de Foucauld | San Giovanni XXIII, papa | Beato Paolo VI, papa | Papa Giovanni Paolo I | San Giovanni Paolo II, papa | Papa Benedetto XVI | Papa Francesco | San Massimiliano Kolbe | San Carlo Borromeo | Madre Teresa di Calcutta | Sant'Agostino | Giussani Luigi | Madeleine Delbrêl | don Tonino Bello | don Primo Mazzolari | San Francesco d'Assisi | Santo Curato d'Ars | Don Bosco | San Pio da Pietrelcina | Madre Anna Maria Cànopi | Ferrero Bruno, don | Card. Carlo Maria Martini | Amorth Gabriele, padre | Anthony de Mello,padre | Dietrich Bonhoeffer | Larrañaga Ignacio, padre | Merton Thomas Padre | Quoist Michel, padre | Padre Andrea Gasparino | Van Tuan Francois Xavier Cardinale | Lucien Jerphagnon | Jean Vanier | Fratelli maggiori, Shoa | Salmi | Libro dei Proverbi | Natale | Gibran Kahlil | Rudyard Kipling | Erma Bombeck | Alejandro Jodorowsky | Pessoa Fernando | Stagioni | Rabindranath Tagore | William Shakespeare | Paulo Coelho | Emily Dickinson | Pablo Neruda | Love | Mappa generale del sito
Torna ai contenuti | Torna al menu