I Sermoni di Sant'Agostino - leggoerifletto

Vai ai contenuti

Menu principale:

I Sermoni di Sant'Agostino


Cristo lo si tocca con la fede, ed è meglio non toccarlo con le mani ma toccarlo con la fede, anziché palparlo con le mani senza toccarlo con la fede. (Serm. 246, 4)

Se ami la vita e temi la morte, questo stesso timore della morte è come un inverno quotidiano. (Serm. 38, 7)

L'uomo ammira tante bellezze nella natura, ma egli stesso è un grande miracolo. (Serm. 226, 3, 4)

L'orrore per la morte non nasce dalla fantasia ma dalla natura. (Serm. 172, 1)

Quando potremo noi tener fermo il pensiero che vola per sua natura? (Serm. 223/A, 5)

Colui che come Figlio di Dio è da sempre coeterno al Padre che lo genera, è lo stesso che cominciò ad essere dalla Vergine come figlio dell'uomo. E così alla divinità si è aggiunta l'umanità. (Serm. 186, 1)

È scabroso ciò che l'uomo ha reso tale a se stesso. (Serm. 96, 3, 3)

Perché tu non cada negli agguati, hai come strada la misericordia stessa. (Serm. 16/A, 10)

Il maestro camminava con loro (i discepoli di Emmaus) per via, anzi egli stesso era la via, ma loro non camminavano per quella via...Camminava per via come un compagno di viaggio, anzi era lui che li conduceva. (Serm. 235, 2)

Con la sua natura di servo ci ha aperto la strada, con la sua natura divina ci ha procurato la patria. (Serm. 91, 7, 9)

Questa scuola, in cui unico maestro è Dio, richiede buoni discepoli, non scansafatiche, ma laboriosi. (Serm. 16/A, 1)

Egli siede in cielo, ma non cessa di parlare sulla terra. (Serm. 85, 1, 1)

Prendendo su di sé la nostra pena, egli che era senza colpa, eliminò da noi e la colpa e la pena. Eliminò la colpa perdonando i peccati, eliminò la pena risorgendo dai morti. (Serm. 240, 3)

Impara da Cristo ciò che non impari dall'uomo: in lui risiede la regola dell'umiltà. Chi si avvicina a lui viene prima formato mediante l'umiltà, perché sia onorato nell'esaltazione. (Serm. 68, 11)

Non me lo chiedere. Sono uomo: la profondità della croce l'intuisco, non la penetro; ne ho timore, non la scruto. (Serm. 165, 7, 9)

Ascolti l'uomo perché non perisca l'uomo, a causa del quale Dio si è fatto uomo. (Serm. 165, 7, 9)

Preferisci alla tua la volontà di Dio; impara ad amarti non amando te stesso. (Serm. 2)

Chi sa amare la vita nuova sa cantare il cantico nuovo. (Serm. 34, 1)

Cerca come l'uomo possa amare Dio: assolutamente non lo troverai se non nel fatto che egli ci ha amati per primo. (Serm. 34, 2)

Se vuoi possedere la carità, cerca te stesso, trova te stesso. (Serm. 34, 7)

Esige tutto te colui che ti ha creato. (Serm. 34, 7)

È nell'uomo interiore che si svolge questa vecchiezza e novità. (Serm. 218/A, 3)

Se nella Chiesa non ci fosse stata la remissione dei peccati, nessuna speranza ci sarebbe per la vita futura e per la liberazione. (Serm. 13, 9)

Il fianco di Cristo fu aperto da una lancia e ne sgorgò il nostro prezzo. (Serm. 13, 9)

Nessuno c'inganni: la Scrittura è chiara, l'autorità è fondatissima, la fede è autenticamente cattolica: ogni uomo che nasce è condannato; nessuno è reso libero se non viene rigenerato. (Serm. 294, 16, 16)

Dio è dappertutto con la presenza della divinità, ma non dappertutto con la grazia con cui abita nelle anime. (Serm. 187, 5, 16)

La Sapienza divina, come una gallina, si è incarnata per uniformarsi ai pulcini. (Serm. 105, 8. 11)

Cuore in alto! Speranza in Dio, non in te stesso. Tu infatti sei di quaggiù, Dio di lassù. (Serm. 229, 3)

La speranza ci esorta a disprezzare le cose presenti e aspettare le future. (Serm. 105, 5, 7)

La Chiesa intera ogni giorno concepisce e partorisce le membra di Cristo. (Serm. 65/A, 7)

Come la donna è gloria dell'uomo, cosí la Chiesa è gloria di Cristo. (Serm. 262, 6, 5)

Abbiamo trovato altri genitori: Dio nostro padre e la Chiesa nostra madre, per mezzo dei quali nascere alla vita eterna. (Serm. 57, 2, 2)

Questa madre che è la Chiesa cattolica, e il pastore che la regge, in ogni luogo ricerca gli smarriti, rafforza i deboli, cura i malati, fascia gli storpi. (Serm. 46, 18)

Bestemmia contro lo Spirito Santo chi si oppone con cuore impenitente all'unità della Chiesa. (Serm. 71, 22, 36)

Voi conoscete lo sposo: è Cristo; conoscete la sposa: è la Chiesa. Recate onore allo sposo e alla sposa. Se onorerete come si deve gli sposi, voi ne sarete figli. (Serm. 90, 6)

Nessuno può incontrare la benevolenza di Dio Padre se disprezza la Chiesa madre. (Serm. 255/A, 2)

Onorate, amate, predicate la santa Chiesa, madre vostra, come la santa città di Dio, la celeste Gerusalemme. (Serm. 214, 11)

Maria ha partorito il vostro capo, la Chiesa ha partorito voi... Anche in questo è paragonabile alla Vergine perché, pur partorendone molti, è madre di unità. (Serm. 192, 2)

Un angelo porta l'annunzio, la Vergine ascolta, crede e concepisce: la fede nel cuore e Cristo nel grembo. (Serm. 196, 1)

Maria credette e in lei quel che credette si avverò. Crediamo anche noi, perché quel che si avverò possa giovare anche a noi. (Serm. 215, 4)

Nel suo concepimento ti trova vergine; nato, ti lascia vergine. Concede la fecondità, non priva dell'integrità. (Serm. 291, 6)

In Maria la verginità consacrata partorì Cristo. (Serm. 192, 2)

Chi crede nel cuore per compiere la giustizia concepisce Cristo; chi lo confessa con la bocca per la salvezza partorisce Cristo. (Serm. 191, 3, 4)

Non è difficile possedere la pace. È, al limite, più difficile lodarla. (Serm. 357, 1)

Chi ama veramente la pace ama anche i nemici della pace. (Serm. 357, 1)

La pace cresce in proporzione del numero di coloro che ne usufruiscono. (Serm. 357, 1)

Ardi di amore tu, così sarai in grado di attirare un altro: che egli veda ciò che tu vedi, ami ciò che tu ami, possegga ciò che tu possiedi. (Serm. 357, 3)

Nessuno voglia con la polemica difendere neanche la sua stessa fede. (Serm. 357, 4)

"Buono, cattivo, volente, nolente, sempre mio fratello sei". (Serm. 357, 4)

Sia appassionata la vostra parola, ma per il fervore della carità, non per l'esaltazione della discordia. (Serm. 357, 5)

Se in noi permane l'amore, dobbiamo sempre parlare della pace e della carità. (Serm. 358, 1)

Non sarebbe un bene per lui essere vinto dal momento che se è vinto resta in possesso del tutto e, se vince, solo di una porzione? (Serm. 358, 1)

Non vince se non la verità, e la vittoria della verità è la carità. (Serm. 358, 1)

È la risurrezione dai morti a distinguere la vita della nostra fede da coloro che muoiono senza fede. (Serm. 215, 6)

Vita, che hai dato morte alla morte! (Serm. 233, 4, 5)

Ma se vuoi essere pacificatore tra due tuoi amici che sono in discordia, comincia da te stesso ad essere pacifico: devi mettere in pace te stesso interiormente, dove forse sei in lotta quotidiana con te stesso. (Serm. 53/A, 12)

In questo mondo solo due cose sono necessarie: la salute e l'amico; queste le cose di grande importanza, quelle che non dobbiamo disprezzare. La salute e l'amico sono beni propri della natura umana. (Serm. 299/D 1)

L'amicizia, quindi, ha il suo principio nel coniuge e nei figli e si apre agli altri uomini. (Serm. 299/D 1)

Ogni uomo è prossimo ad ogni uomo. Rivolgiti alla natura. È uno sconosciuto? E' un uomo. È un avversario? E' un uomo. È un nemico? E' un uomo. È un amico? Resti amico. È un avversario? Diventi amico. (Serm. 299/D 1)

Talora gli uomini si arrecano moltissimo danno quando temono di offendere altri. Non solo i buoni amici hanno molta influenza per il bene ma l'hanno anche i cattivi amici per il male. (Serm. 87, 10, 12)

Il Signore, per farci disprezzare l'amicizia dei potenti a prò della nostra salvezza, non volle prima scegliere i senatori, ma i pescatori. Grande misericordia del Creatore. (Serm. 87, 10, 12)

Con quanta carità dobbiamo essere molesti ai nostri amici per poter vivere con loro non pochi giorni in questo mondo ma in eterno con Dio? (Serm. 87, 12, 15)

Ama veramente il suo amico colui che nel suo amico ama Dio, o perché Dio vive in lui o perché Dio viva in lui. Questo è il vero amore: se amiamo per altro motivo, il nostro è più odio che amore. (Serm. 336, 2, 2)


 
Omaggio a Maria | Immacolata Concezione, solennità | Preghiere, poesie del mattino | Preghiere, poesie della sera | Atto di affidamento | Apparizioni della Vergine e luoghi sacri | Preghiere agli Angeli | preghiere a Gesù | Preghiere al Sacro Cuore di Gesù | Preghiere a San Giuseppe | Preghiere d'intercessione | Ad ogni ora la sua preghiera | Rosario | Quaresima,Pasqua | Preghiere dopo la S.Messa | Per gli sposi | Preghiere per la Pace | Esorcismo, guarigione, liberazione | Preghiere SS. Eucarestia | Spirito Santo | Novene,Litanie | Preghiere per i sacerdoti | Catechismo della Chiesa Cattolica | Parole Buone | Anziani, preghiere e poesie | Preghiere per gli ammalati | Per i defunti | Testimoni di Santità | Charles de Foucauld | San Giovanni XXIII, papa | Beato Paolo VI, papa | Papa Giovanni Paolo I | San Giovanni Paolo II, papa | Papa Benedetto XVI | Papa Francesco | San Massimiliano Kolbe | San Carlo Borromeo | Madre Teresa di Calcutta | Sant'Agostino | Giussani Luigi | Madeleine Delbrêl | don Tonino Bello | don Primo Mazzolari | San Francesco d'Assisi | Santo Curato d'Ars | Don Bosco | San Pio da Pietrelcina | Madre Anna Maria Cànopi | Ferrero Bruno, don | Card. Carlo Maria Martini | Amorth Gabriele, padre | Anselm Grün | Anthony de Mello,padre | Dietrich Bonhoeffer | Larrañaga Ignacio, padre | Merton Thomas Padre | Quoist Michel, padre | Padre Andrea Gasparino | Van Tuan Francois Xavier Cardinale | Lucien Jerphagnon | Jean Vanier | Georges Bernanos | Paul Claudel | Miguel de Unamuno | Fratelli maggiori, Shoa | Salmi | Libro dei Proverbi | Natale | Gibran Kahlil | Rudyard Kipling | Erma Bombeck | Alejandro Jodorowsky | Pessoa Fernando | Stagioni | Rabindranath Tagore | William Shakespeare | Paulo Coelho | Emily Dickinson | Pablo Neruda | Jacques Prevert | Juan Ramòn Jiménez | Nazim Hikmet | Love | Santuari e Advocazioni | Mappa generale del sito
Torna ai contenuti | Torna al menu